Autori:
Giulio Gabaldo   DVM, PhD   ( Già Professore a Contratto presso Dipartimento Nutrizone Animale dell’Università degli Studi di Parma )
Antonio Ubaldi   Ordinario  di Clinica Medica Veterinaria presso Dipartimento di Scienze Medico Veterinarie Università degli Studi di Parma
Angelo Montagner  Zoonomo ed  Esperto in Biometria Statistica Zootecnica

Introduzione

“ ..la migliore opportunità d’impiego di vitamine ed oligoelementi naturali in alimentazione animale vengono dal mare attraverso l’olio di fegato di pesce  e le alghe. “ usava ripetere uno dei più illustri esperti di nutrizione animale dei nostri giorni il prof. Roger Wolter, ricercatore e già cattedratico di Nutrizione Animale presso l’École Nationale Vétérinaire d’Alfor Università Parigina,  ed autore di numerosi libri e pubblicazioni sull’argomento.  Ed è proprio così che è formulato il NAT® le cui fonti nutritive di origine marina sono apportate in forma naturale. Il NAT®, infatti, è un complesso nutritivo concentrato a base di olio di pesce  (derivato dal fegato di Halibut o Hyppoglossus Hyppoglossus) assorbito su alghe marine naturalmente ricchi in Acidi Grassi Ω 3 (l’Acido Eicosapentaenoico o EPA e l’Acido  Docosaesaenoico  o DHA) Retinolo (Vitamina A) e Colecalciferolo (Vitamina D3) di origine naturale presentato in forma mini-granulare.

Lo studio e le ricerche eseguite hanno confermato quello che già si sapeva a livello teorico, cioè, che la diversa composizione chimico strutturale del Retinolo Naturale (nei confronti di quella sintetica cioè  diversa formula di struttura, diverso peso atomico e diverso punto di fusione) comportano un diverso “ modo di assimilazione “Il Retinolo Naturale, già di per se emulsionato, viene assorbito per via linfatica e arrivando direttamente nel sangue si rende immediatamente disponibile  nel “ circuito metabolico “. Essendo il NAT®, costituito da Vitamine ( contenute nell’olio di Halibut ) ed Acidi Grassi Ω 3 (esclusivamente di origine naturale contenuti nel “ pool “ di alghe), è in grado di influenzare i livelli di  lipoproteine del sangue ed il livello di colesterolo precursore di progesterone. È emerso infine una correlazione fra i valori sierologici della LDL e i livelli di progesterone confermati da un aumento di almeno il 20% dei livelli di fertilità negli allevamenti dove è stato testato. È presumibile che tale valore potrebbe essere, in futuro, utilizzato come  parametro per indicare la necessità di somministrare o meno  questi principi nutritivi. Tutto ciò è dimostrabile dai dati emersi nelle diverse prove di campo eseguite, negli ultimi due anni,  da Veterinari Specializzati nell’allevamento suino in diversi allevamenti, totalmente disgiunti gli uni dagli altri sia  in Italia che Spagna.

Il  NAT®  è stato somministrato nei mangimi per scrofe alla dose di Kg 0,5 ¨C 1,0/ton di mangime   per tutta la lattazione ottenendo dei risultati  veramente straordinari e di grande interesse ed alta redditività.

Prove eseguite

Sono state eseguite una serie di prove di campo sia in Italia che in Spagna in scrofaie di dimensioni medio-grandi con consistenza media  di 850 scrofe presenti. Le prove per le quali è stato possibile raccogliere i dati sono state 9. Queste 9 aziende rappresentano una popolazione complessiva di 5400 scrofe. La tipologia di protocollo prevalente è stata quella di trattare contemporaneamente alcune (dal 20 al 30%) sale parto ed utilizzare le sale parte NON trattate come gruppo di controllo. In 2 aziende si sono trattate tutte le sale parto procedendo alla valutazione dei risultati mediante confronto delle serie storiche. Per quanto concerne il trattamento delle scrofe, il tempo di trattamento è stato il periodo di lattazione che è stato tra i 21 ed i 28 giorni.

 

Risultati zootecnici

I risultati zootecnici ottenuti possono essere riassunti come segue:

  • Intervallo svezzamento calore
  • Percentuale di scrofe gravide alla prima coperura
  • Peso allo svezzamento
  • Suinetti svezzati /scrofa anno-1

Intervallo svezzamento calore

Il valore medio di riduzione dell’intervallo svezzamento calore è stato di 2,5 giorni con un valore minimo di 0,9 ed uno massimo di 3,5.

Percentuale di gravidanza alla prima copertura

Il valore medio di miglioramento delle scrofe gravide alla prima copertura è stato del 13% con un minimo di 2,75% ed un massimo del 20,78 %.

Peso allo svezzamento

Il valore medio di incremento di peso allo svezzamento è stato di 0.9 kg con un minimo di  0,6 ed un massimo di 1,2, considerando un peso medio dei suinetti del controllo di 7,11 kg ed del gruppo trattato di 8 kg.

Suinetti svezzati /scrofa anno-1

A fronte di un numero medio di 23,92 svezzati/scrofa/anno -1  del controllo, il numero medio del gruppo trattato è stato di 26,43 avendo quindi un miglioramento medio di +2,6 svezzati scrofa/anno con un minimo di 1,06 ed un massimo di 4,20.

Risultati economici

Nel calcolo economico, per definire il costo medio di trattamento si è considerata una lattazione di 28 giorni ed un dosaggio di NAT® di 1 kg/t.  Si è poi proceduto all’ analisi del beneficio economico quantificando il vantaggio monetario conseguente al miglioramento zootecnico e più precisamente:

Riduzione svezzamento calore: la riduzione di questi tempi comporta una riduzione dei tempi improduttivi della scrofa
Percentuale di scrofe gravide alla prima copertura: questo comporta una minor percentuale di ritorni ed ancora una riduzione dei tempi improduttivi
Peso allo svezzamento: Avere suinetti più pesanti allo svezzamento significa vendere a maggior valore nei cicli aperti ed avere suini a maggior accrescimento nei cicli chiusi
Suinetti svezzati /scrofa anno-1  : il miglioramento di questo parametro comporta ovviamente una maggior produttività dell’ allevamento sia che si vendano suinetti svezzati che grassi.

Il calcolo del ritorno dell’ investimento è calcolato in €  rispetto al costo del trattamento ed al netto del costo del trattamento.

 

 

Riferimenti bibliografici

Alimentation des animaux domestique: porc,lapin,volailles, Ed.INRA Paris, 1984.

Enminger, E. & Olentine, C.G. ” mangimes & Nutrition, complete ” The Ensminger Publishing Company, First Edition, California, 1980.

GRUMMER RR,, CARROLL D “A review of lipoprotein cholesterol metabolism: importance to ovarian function “J Anim Sci. 1988

BENAHMED, M, REVENTOS J, SAEZ JM “ Rôle des lipoprotéines plasmatiques dans la fonction des tissus stéroïdogènes “ Symposium Horm et Méta des  lipoprotéines ¨C Lyon 1983

 Guyton A. ” Textbook of medical Physiology ” Sixt Ed.W.B. Saunders Company,      Philadelphia, USA

 Jouany J.P. – Lassalas B. ” Vitamine  by-pass ” Doc.Veterinari, 1989

Jennings, I. ” Vitamin in the Endocrin Metabolis ” Charles C.Thomas Springfield,  Illinois, 1970.

Piccioni, M. ” Dizionario degli Alimenti per il bestiame ” Edagricole, Bologna, 1989.

 Krampitz, G. ” Vitamin D in der Tierernahrung ” Ed. Hoffman – La Roche, Basilea, 1980.

 Russell Mc Dowell, L. ” Vitamin in Animal Nutrition ” Accad. Press.Inc.,San Diego, California,1989.

Gabaldo G. “ Vitamins e trace elements in the nutrition of high yield   Dairy cows “ Ed.Nutrivit Co. ¨C New York, 1999

 Klaus, W. – Dressler, D. e Coll. ” Vitamin in Animal Nutrition ” A.W.T. Bonn,  Germany, 1984

Kornegay, E.T. ” Nutritional Factor Affecting Swine Riproduction: “ Mineral e  Vitamin ” Symposium on Nutritiona    Disease San Paulo, Brasil, 1985

Siliprei D. e N. ” Biochimica Struttrale ” e ” Biochimica Metabolica ” Ed.Cortina, Padova, 1983.

” The Complete Book of Vitamins ” Staf of Prevention Magazine Roale Press Inc.Emmaus,USA,1988.

Thangavelu g, Colazo M, Ambrose D. Y, Oba M, Okine E.K, Dyck M.K, “ Embryo Development is Enhanced in Dairy Cow Fed Unsaturated Fatty Acids” Dep.Agric. Food e Nutritionaò Sc, Univ. of Alberta  -DRTC Dairy Day ¨C 2006

Thatcher WW, MacLaren, LA Guzeloglu, A Michel F, “Peroxisome Tabellaators-activated receptor (PPAR) expression in cultured bovine endometrial cells e response to omega-3 fatty acid, growth hormone e agonist stimulation in relation to series 2 prostaglein production. “Domestic Animal Endocrinology -2005- USA

Lessard M, N. Gagnon e H. V. Petit “Immune Response of Postpartum Dairy Cows Fed Flaxseed “Dairy e Swine Research e Development Centre Jagriculture e Agri-Food Canada, Lennoxville, QC, Canada ¨C Journal of Dairy Sci. 2003  – USA.

Petit HV, Dewhurst RJ, Scollan ND, Proulx JG, Khalid M,Haresign W, Twagiramungu H,Mann GE. “Milk production e composition, ovarian function, e prostaglein secretion of dairy cows fed omega-3 fats” Dairy e Swine Research e Development Centre Jagriculture e Agri-Food Canada, Lennoxville, Journal of Dairy Sci ¨C 2003 ¨C USA

Cattell Meg “ Omega 3 boosts fertility “ Vance Publishing Corp ¨C Knightsbridge Pkwy Lincolnshire IL ¨C 2006 ¨C USA

Loppi, B, Merendino N, Bosco L. “ Meccanismi coinvolti nell’effetto pro-apoptotico dell’Acido Docosaesaenoico (DHA) nella linea cellulare di  Adenocarcinoma Pancretatico umano Pa Ca ¨C 44 “ Univers. Degli Studi della Tuscia VT ¨C dott. Ric Gen e Bio cell. ¨C VT ¨C 2005.

Ciaccio M, “ Gli Acidi Grassi Omega 3 ed Omega 6 dalla biochimica all’applicazione “   Cattedra di Biochimica ¨C Facoltà di Medicina e Chirurgia Università di Palermo ¨C 2002 ¨C Italy

Copozza C. “ Acido Linoleico Coniugato ( CLA)  Cosè il CLA ? “ omeonet,info/articoli/acido linoleico ¨C 2001

Ruffini E, Caramia G. “ L’Acido Docosaesaenoico ( DHA) , aspetti fisiopatologici e prospettive Terapeutiche “ Azienda Ospedaliera Materno Infantile

Ancona Dipartimento Maternità  Infantile di Ascoli Piceno ¨C www.bambinoprogettosalute.it¨C 2005 ¨C. Ancona – Italy

De Caterina R, Madonna R. “ Effetti antiaritmici degli Acidi Grassi Omega 3, una rassegna “ Unvesità “g. d’Annunzio “ Chieti Ist. Di Fisiologia Clinica Ed. Ital Heart J. Spple. ¨C 2002 ¨C Italy

Mataix FJ, Santos MJ, Lopez-Jurado M, Llopis J, Urbano G “Influence of dietary supplementation with fish on plasma fatty acid composition in coronary heart disease patients” Department of Physiology, University of Granada  – Ann Nutr Metab. 1995 ¨C Spain

Santos MJ, Llopis J, Mataix FJ, Urbano G, Lopez Jurado M. “Influence of dietary fish on fatty acid composition of the erythrocyte membrane in coronary heart disease patients” Department of Physiology, University of Granada ¨C Int J Vitam Nutr Res. 1996 ¨C Spain

Lopez C, Eynard AR, “Conjugated linoleic acid (CLA) versus saturated fats/cholesterol: their proportion in fatty e lean meats may affect the  risk  of developing colon cancer “1Instituto de Biología Celular, Cátedra de Histología, FCM-UNC/CONICET. Córdoba. Lipids Health Dis. 2003  Argentina

Bertoni G. “ Dismetabolie puerperali e rapporti con il sistema immunitario, l’attività epatica e la riproduzionefondazione” Iniziative zooprofilattiche e   Zootecniche ¨C Brescia, 2003

Benahmed, M, Reventos J, Saez JM “ Rôle des lipoprotéines plasmatiques dans la fonction des tissus stéroïdogènes “ Symposium Horm et Méta des  lipoprotéines ¨C Lyon 1983

 Mariani AP, Podestà A “ Biochimica e biotecnologie del Rumine “ pag. 61 Ed. Piccin ¨C PD ¨C Italy 1996

 

Condividi!!